Normative sugli impianti di climatizzazione

Dal 15.10.2014 il Ministero dello sviluppo economico (MISE) ha previsto che gli impianti termici siano muniti di un nuovo “ libretto di impianto per la climatizzazione invernale ed estiva”.

In tale obbligo rientrano anche i caminetti e le stufe, quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è uguale o maggiore a 5 kW.

La compilazione del libretto per i caminetti e le stufe, consiste nel riportare alla sezione 4.1 del libretto stesso, i dati del generatore, come da esempio di seguito riportato; va inoltre compilata, a cura del proprietario, la scheda n. 14.1 “Consumo del Combustibile”.

La responsabilità derivante dagli obblighi previsti dal D.M. in oggetto, compete al responsabile dell’impianto (solitamente il proprietario stesso dell’unità immobiliare in cui è installato l’impianto).
manutenzioni impianti

La compilazione del libretto, dovrà essere effettuata da un tecnico abilitato ai sensi di quanto prescritto dal D.M.37/2008 e più precisamente:

  • dall’installatore nel caso di nuovi impianti;
  • dal manutentore, in occasione del primo intervento di pulizia canna fumaria e apparecchio/riparazione/manutenzione effettuata in data successiva al 15.10.2014.

Questi impianti devono poi essere sottoposti a manutenzione periodica secondo le seguenti tempistiche:

  • ogni 2 anni per i generatori di calore di potenza termica nominale inferiore a 15 kW;
  • ogni anno per i generatori di potenza termica nominale uguale o superiore a 15 kW.

 

pulizia canna fumaria

PERCHE’ PULIRE LA CANNA FUMARIA

La pulizia della canna fumaria è l’unico intervento di manutenzione che permette di rimuovere i residui della combustione che si depositano all’interno degli impianti fumari e che sono la principale causa d’incendio.Grazie a questa pulizia si può ottenere un incremento nel rendimento dell’apparecchio, una maggiore sicurezza dell’impianto, un ottimale tiraggio dei fumi con conseguente risparmio di combustibile.
Con una canna fumaria pulita si contribuisce inoltre a ridurre le emissioni in atmosfera dannose per l’ambiente e per l’uomo.

 

OGNI QUANTO PULIRE LA CANNA FUMARIA

Come previsto dalla normativa tecnica, la periodicità degli interventi di manutenzione ordinaria dipende dalla potenza termica nominale dell’ apparecchio che si ha nella propria abitazione: massimo ogni 2 anni per i generatori di calore di potenza termica nominale inferiore a 15 kW; ogni anno per i generatori di potenza termica nominale uguale o superiore a 15 kW. La frequenza di questa manutenzione può variare in base alla quantità e alla qualità di combustibile utilizzato.
Le case costruttrici danno indicazioni sui loro libretti d’uso e manutenzione ogni quando effettuare la manutenzione dei loro apparecchi per avere un rendimento sempre ottimale.
Infine il buon senso insegna che è meglio far controllare l’impianto fumario e gli apparecchi prima di ogni stagione invernale, per assicurarsi della massima funzionalità degli stessi.

 

CHI DEVE PULIRE LA CANNA FUMARIA

A partire dal 15 Ottobre 2014, la manutenzione del vostro generatore di calore e della vostra canna fumaria è stata regolamentata dalla normativa che ha previsto l’obbligo del libretto d’impianto e interventi programmati effettuabili solo da tecnici abilitati.I tecnici abilitati della nostra azienda effettuano accurate pulizie delle canne fumarie e dei vostri generatori di calore, rilasciando a fine lavoro il libretto d’impianto e l’allegato di avvenuta manutenzione.Il fai da te non è assolutamente più possibile perché il cliente non è in grado di valutare lo stato reale della sua canna fumaria e del suo apparecchio di riscaldamento, con conseguente pericolo per sé stesso e per ciò che gli sta attorno.

 

IN COSA CONSISTE E QUANTO DURA LA PULIZIA DELLA CANNA FUMARIA

Una manutenzione della canna fumaria e del generatore di calore effettuata dai tecnici abilitati della CMB consiste nella pulizia accurata dell’impianto fumario e del giro fumi dell’apparecchio, la pulizia di eventuali ventilatori dell’aria se l’apparecchio ne dispone. Per le stufe a pellet, oltre alle mansioni descritte precedentemente, si effettua la pulizia ed il controllo delle varie parti elettriche e meccaniche, con test finale per controllare se tutto funziona. A fine lavoro vengono consegnati al cliente i documenti che attestano l’avvenuta manutenzione. Per una normale pulizia completa dell’intero impianto si impiega non meno di un’ora fino ad arrivare alle due ore nei casi più particolari.

 

videoispezioni

Lo scopo della videoispezione è la verifica dell’integrità della canna fumaria e viene eseguita inserendo all’interno del condotto fumario una microcamera. In questo modo si riesce ad accertare la reale condizione del sistema di evacuazione dei fumi consentendo l’intervento finalizzato alla risoluzione di eventuali problematiche legate alla sicurezza, all’ integrità e alla presenza di ostruzioni o allo scarso isolamento del condotto stesso. Alla fine dell’operazione viene rilasciata una relazione tecnica supportata dal filmato in formato digitale.

Share by: